Messaggio:

Messaggio

PRENDI 1....PAGHI 3: FARE I FURBI NON CONVIENE!

agenzia.jpg

CONSEGUENZE DEGLI ACCERTAMENTI FISCALI EFFETTUATI SUI BENEFICIARI DI BORSA DI STUDIO.

Come ben saprete, a partire dall'anno accademico 2012/2013, é entrato in vigore l'art.10 del D. Lgs. 29 marzo 2012 n.68 (vedi art.27 bando di concorso borse di studio e posti alloggio), il quale prevede che qualora lo studente presenti una dichiarazione non corrispondente al vero, al fine di fruire degli interventi per il diritto allo studio, è soggetto ad una sanzione amministrativa consistente nel pagamento di una somma di importo triplo rispetto a quella percepita, o al valore dei servizi indebitamente fruiti, e perde il diritto all'accesso ai benefici dell'Ente per la durata del corso di studi, fatta salva in ogni caso l'applicazione delle sanzioni di cui all'art.38, comma 3 del D.L. n.78/2010 convertito in L.122/2010, nonché delle norme penali per i fatti costituenti reato.

La sanzione amministrativa prevista dal suddetto art.38 è irrogata in misura proporzionale al vantaggio conseguito, da un minimo di 500 ad un massimo di 5.000 euro, e si somma alla sanzione prevista dall'art.10 del D.Lgs. n.68/2012.
(Ad esempio, qualora il valore della borsa percepita sia pari a €.3.729,00, in caso di falsa dichiarazione accertata, lo studente dovrà pagare l'importo pari a €. 11.187,00 oltre alla sanzione amministrativa fino ad un massimo di 5.000 euro.)

Sarà in ogni caso effettuata la segnalazione alla Procura della Repubblica.

In attuazione di tali norme, l'ERSU ha inviato alla Guardia di Finanza gli elenchi di tutti i beneficiari di borsa di studio per gli anni accademici 2012/13 e 2013/14, per gli accertamenti sulla effettiva consistenza del reddito familiare.

Proprio in questi giorni gli uffici stanno predisponendo i provvedimenti conseguenti alle prime segnalazioni pervenute dalla Guardia di Finanza in esito alle verifiche effettuate.

Vi invitiamo, se presenterete la domanda di borsa di studio e/o posto alloggio per il prossimo anno accademico, a dichiarare al CAF l'esatta composizione del nucleo familiare, ed il reale ammontare dei redditi percepiti nel 2013 da tutti i componenti.

Confidiamo nella vostra correttezza, che consentirà all'Ente di erogare i benefici agli effettivi aventi diritto, ed eviterà di esporvi all'applicazione delle sanzioni.

Share/Save/Bookmark

Attività nelle Sale

No current events.