Messaggio:

Messaggio

Modello 3-bis “Dichiarazioni dell’esecutore dei lavori – qualificazione”

Modello 3-bis “Dichiarazioni dell’esecutore dei lavori – qualificazione”

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Domanda

Quesito 1. Nel caso in cui l'impresa esecutrice dei lavori sia in possesso dell'attestazione di qualificazione SOA sia per la progettazione che per l'esecuzione, ma intenda partecipare alla presente gara solo per l'esecuzione dei lavori, avvalendosi, pertanto, di un RTI di progettisti solo per la parte progettuale, quale ipotesi deve barrare nel modello suddetto, la 1° o la 2°?
Quesito 2. Nel suddetto Modello 3-bis, "Dichiarazioni dell'esecutore dei lavori - qualificazione", così come richiesto nel disciplinare di gara, si richiede di aver realizzato nei migliori cinque anni dell'ultimo decennio, una cifra di affari, ottenuta con lavori svolti mediante attività diretta ed indiretta, non inferiore a 2,5 volte l'importo dei lavori a base di gara, pari complessivamente a 68.500.000,00 euro. Diversamente, nel cappello della tabella riportata viene scritto "fatturato lavori" e anche nella seconda colonna della tabella stessa viene scritto "totale fatturato nel quinquennio". Posto che la cifra di affari nel quinquennio considerato è diversa dal fatturato lavori dello stesso quinquennio, chiediamo come dobbiamo compilare la tabella del modello 3-bis? Nello specifico, dobbiamo correggere la dicitura "fatturato in lavori" in "cifra d'affari in lavori"?
Quesito 3. Articolo 8 - modalità di partecipazione alla gara. Paragrafo 8.5 - sottoscrizione dichiarazione di offerta. Le relazioni, tutti gli elaborati del progetto definitivo costituenti l'offerta tecnica (busta A), gli elaborati relativi alle prestazioni energetiche delle opere costituenti l'offerta tecnica (Busta B), la dichiarazione di offerta/tempo e relativi elaborati e attestazioni (Busta C), devono essere sottoscritti in ogni pagina dal /dai legale/i rappresentante/i dell'impresa/e esecutrice/i dei lavori o esclusivamente sul cartiglio? I suddetti documenti devono essere sottoscritti in ogni pagina dal/dai progettista/i qualificato/i o esclusivamente sul cartiglio? Inoltre si chiede: oltre le firme suddette, sono necessari anche i timbri (in particolare i timbri del progettista)?

Risposta

Quesito 1: Ove l'impresa esecutrice dei lavori, pur in possesso dell'attestazione di qualificazione SOA per progettazione ed esecuzione, intenda partecipare alla presente gara solo per l'esecuzione dei lavori, avvalendosi, pertanto, di un RTI di progettisti per la sola parte progettuale, potrà barrare il riquadro della 1° ipotesi, integrando la relativa dichiarazione con una specifica concernente il caso esposto. Non sussiste, infatti, alcun divieto in ordine alla eventualità di inserire specifiche o integrazioni nella modulistica predisposta dalla stazione appaltante.
Quesito 2 - Il disciplinare di gara all'art. 7.2, recante "requisiti speciali dell'esecutore dei lavori", stabilisce: "Poiché l'importo a base di gara è superiore a euro 20.658.000,00 ai sensi dell'art. 61, co. 6 del d.P.R. 207/2010, l'operatore, singolo o plurimo, oltre alla qualificazione conseguita in categorie e classifiche adeguate, secondo quanto prescritto alle precedenti lett. a) e b), deve aver realizzato, nei migliori cinque anni del decennio antecedente alla data di pubblicazione del bando di gara, una cifra di affari, ottenuta con lavori svolti mediante attività diretta ed indiretta, non inferiore a 2,5 volte l'importo dei lavori a base di gara, pari complessivamente a 68.500.000,00 euro; il requisito è comprovato secondo quanto previsto all'articolo 79, commi 3 e 4 del d.P.R. 207/2010".
Si fa presente che il termine tecnico di "cifra d'affari", utilizzato dal legislatore e riportato negli atti di gara, è da intendersi, nella accezione tecnica, quale "volume d'affari" e, in questo senso, non esiste una distinzione tra fatturato e volume d'affari. Si rinvia in proposito al "Dizionario pratico dei termini tributari", appositamente redatto dall'Agenzia delle Entrate, che considera i due termini come sinonimi, in quanto indicanti l'ammontare complessivo delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi, effettuate con riferimento a un anno solare, valido ai fini dell'Imposta sul valore aggiunto. Per quanto esposto, la Tabella di cui al Modello 3-bis, riporta correttamente l'indicazione del termine "fatturato", in linea con le previsioni di legge (art. 61, comma 6 e 79, commi 3 e 4 del d.P.R. 207/2010).
Quesito 3: Premesso che gli atti di gara non recano alcuna prescrizione specificamente rivolta alla sottoscrizione di ciascuna pagina delle relazioni, capitolati, computi, ecc., concernenti la documentazione di cui alle buste "A", "B" e "C" (nn. 1, 2, 3 dell'art. 8.5 del Disciplinare), si precisa che la regolare sottoscrizione in calce di ciascun documento, elaborato o modello costituente l'offerta tecnica ed economica/tempo, si configura quale adempimento che assolve ex se alle prescrizioni degli atti di gara, in quanto non genera dubbi di sorta in merito alla riconducibilità integrale della sottoscrizione medesima al dichiarante.
L'offerta tecnica ed economica/tempo (e dunque tutta la documentazione di cui alle Buste "A", "B" e "C"), dovrà essere sottoscritta in calce sia dall'esecutore dei lavori, sia dal progettista qualificato (indicato o associato), secondo le prescrizioni di cui all'art. 8.5 del disciplinare di gara.
Si fa presente che assolve alla medesima funzione, la sottoscrizione apposta nel frontespizio degli elaborati tecnici-progettuali.
Le sottoscrizioni non devono necessariamente essere accompagnate dai timbri, fermo restando che l'apposizione del timbro di ciascun operatore (esecutore lavori e/o progettista), agevola la commissione giudicatrice nello svolgimento delle operazioni di verifica della regolarità formale delle offerte.

Share/Save/Bookmark

Attività nelle Sale